CONTROLLO ACCESSI O SEMPLICI APRIPORTA?

Il controllo degli accessi è un sistema di sicurezza che ha lo scopo di controllare i varchi e le porte, mediante l’uso di apparati elettronici chiamati lettori di badges o lettori biometrici.

Il controllo accessi non è solamente un apriporta elettronico o elettromeccanico, come erroneamente si possa pensare, ma è un mezzo per rendere più sicuro un ambiente, dato che provvede nel fare in modo che persone non autorizzate, non possano accedere in luoghi riservati.

sup2a16

L’utilizzo di tale sistema, non si limita soltanto alla sicurezza, ma anche nel regolare l’accesso delle persone esclusivamente in aree a loro assegnate verificandone l’ora d’ingresso e di uscita. Può essere, inoltre, utile per attivare/disattivare impianti di sicurezza, regolare il flusso delle persone all’interno di un edificio, memorizzare il transito e vietare l’ingresso in determinate fasce orarie o giornate festive.

Il concetto che sta alla base del controllo accessi è quello dell’identificazione, ogni persona può essere identificata, e il funzionamento di questo sistema si basa sulI’ associazione di un codice alle persone.

Ognuno potrà essere identificato mediante una tessera (badge), che rappresenterà il codice identificativo, sarà riconosciuto dal lettore che provvederà ad aprire il varco e ad abilitare l’accesso ad un’area riservata. I badges si possono suddividere in vari tipi in base alle tecnologie utilizzate: magnetiche, ottiche, bar code, magneti orientati prossimità e biometriche.

Se volessimo semplificare l’architettura di sistema di controllo accessi, potremmo farlo dicendo che si compone di “UNA CENTRALE” di Accesso varco – “UN LETTORE DI RICONOSCIMENTO E DI ABILITAZIONE” – UN ELEMENTO CHE ABILITI ALL’ACCESSO (badge ).

sup2b16

Se un installatore volesse proporre sistemi di controllo accessi e gestione presenze, diventa indispensabile conoscere le tecnologie che il mercato offre, difatti potremmo suddividerli in: Sistemi autonomi con lettori stand alone; Sistemi semplici, composti da lettore e centrale autonoma semplificata; Sistemi evoluti, composti da lettori e centrali gestibili con PC, e con apposite applicazioni tramite tablet o smartphone.

Ma proprio su quest’ultimi sistemi che vogliamo porre l’attenzione, dato che sono quelli che rispondono alle attuali esigenze di tutte quelle strutture, che non solo devono controllare gli accessi, ma devono effettuare una gestione delle persone all’interno di un edificio, più complessa e articolata.

Non è detto però che un sistema evoluto ed efficiente e interattivo, debba necessariamente essere complesso, anzi al contrario esistono sul mercato prodotti, che grazie ad un’architettura di sistema semplice,  risultano facile sia da installare che da programmare, e che li fanno preferire, sia da chi il lavoro lo deve svolgere come gli installatori, dato che non necessiterà di un grande dispendio di energie e di tempo, sia per l’utente finale che ad un costo ottimizzato potrà contare su di un sistema decisamente efficiente.

Il controllo accessi ALIRO di Vanderbilt rappresenta la sintesi di quanto detto precedentemente, dato che Aliro è la nuova generazione del controllo accessi, è progettato per essere  veloce da installare,  e da configurare, inoltre la sua lineare architettura agevola il compito anche in fase di quotazione, dato che il costo sarà legato esclusivamente ai “varchi” da gestire.

L’impianto come detto è molto semplice ma ben strutturato, si compone:

sup2c16

Modulo porta AP01P (AP Access Point)

La presenza di un punto di accesso ad ogni porta, rende l’architettura di Aliro estremamente semplice, e semplifica il lavoro degli installatori, inoltre ogni punto di accesso è utilizzato anche come stazione di acquisizione dati, che di fatto elimina la necessità di un hardware aggiuntivo.

Ad ogni Access Point  saranno collegati i lettori di carte MiFire Vanderbilt, dotati di un display integrato che mostra messaggi inerenti le credenziali dell’utente, permettendo un’interazione con il titolare del badge.

sup2d16

Come accennato precedentemente, il controllo accessi di Aliro Vanderbilt, non è solo semplice da installare, ma anche da configurare, e non renderà più necessari corsi di formazione approfonditi, difatti attraverso il suo Software con intuitiva interfaccia consentirà una facile configurazione, e la possibilità di apportare successivi accorgimenti, come l’aggiunta di un nuovo utente alla modifica delle autorizzazioni di accesso.

Il Software di Aliro è basato sul web, pertanto è sufficiente installarlo su un solo PC, che consentirà agli utenti autorizzati la gestione da Browser, quindi senza la necessità di interagire esclusivamente da rete locale.

sup2e16

Altro punto di forza di Aliro di Vanderbilt, e la possibilità di poterlo gestire e monitorare, praticamente ovunque, e non solo tramite browser, ma anche attraverso il proprio smartphone, infatti grazie alla sua APP dedicata, supporta tutte le funzioni principali, quali il monitoraggio di sistemi d’allarme porte, il report delle aperture delle porte stesse e la gestione degli utenti.

sup2f16

Tramite App (per App o Android), potremo monitorare in tempo reale, la gestione degli utenti e loro amministrazione direttamente da smartphone, potremmo inoltre bloccare o sbloccare le porte, controllare chi si trova all’interno o all’esterno delle stesse, per controllo davvero completo.

Per concludere possiamo affermare che il controllo accesso di ALIRO di Vanderbilt, è una scelta vincente per chi deve proporre un sistema di controllo accessi, come riportato in questo articolo, risulta facile da quotare, semplice da installare e configurare, altamente performante, e tramite il suo software e la sua App (per Apple o Android), è possibile gestirlo ovunque.

A cura di Graziano Albenzi

 

Questa voce è stata pubblicata in Il supporto tecnico consiglia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.