Progettazione di un Impianto Antincendio Notifier

In questo articolo ci occuperemo di un  settore della sicurezza, che sta diventando sempre più rilevante sia in ambito civile ma soprattutto in quello industriale.

Nello specifico parleremo di come poter strutturare un Impianto Antincendio, dato che ogni installatore non dovrebbe farsi trovare impreparato, alla sempre più crescente domanda di mercato.images11233

Infatti sistemi di questo tipo sono sempre più richiesti, sia per motivi di sicurezza strettamente intrinseca a persone e beni, ma principalmente per adempiere alla Normativa vigente, dato che per determinati ambienti risultano indispensabili e obbligatori.

Gli ambienti in questione sono soprattutto quelli industriali, come grossi capannoni o magazzini, molto spesso un installatore in tali circostanze è chiamato a dover proporre, oltre ad eventuali sistemi di Antintrusione e/o Video sorveglianza e/o controllo accessi, anche sistemi di questo tipo, pertanto deve necessariamente essere in grado di offrire risposte valide anche nell’ambito Antincendio, se vuole avere concrete possibilità che il lavoro gli possa essere commissionato.

images

Parlando di Antincendio, prenderemo in esame i sistemi “Notifier by Honeywell”, che in questo ambito possiamo considerare uno dei marchi leader del mercato, cercando di fare una veloce panoramica, di come è strutturato  un impianto di Rilevazione Fumi/Incendio, e di quali elementi è composto.

Il primo componente che esamineremo, sono le centrali, che gestiranno i vari componenti, sicuramente le più comuni sono quelle della serie AM, e sono le AM1000 – AM2000 – AM4000 – AM6000, che si differenziano principalmente, per il numero di “Loop Gestiti”.strfxffxh

 Il loop è costituito da un anello chiuso che partendo dalla centrale, mette in collegamento tutti i componenti dell’impianto, per andarsi a richiudere sulla centrale stessa.

wetwew

Questo garantisce un a veloce individuazione di un eventuale  malfunzionamento, dato che qualora si interrompesse la continuità in punto qualsiasi dell’anello, da quel punto in poi nessun altro componente verrà rilevato dalla centralina, pertanto sapremo esattamente dove si è generato il guasto.

Gli elementi del sistema li suddivideremo in categorie distinte:  

 1)Moduli    2) Sensori  3) Pannelli ottici e/o acustici  4) Cavo specifico

 E’ necessario ricordare che ogni modulo e ogni sensore devono avere un indirizzamento univoco per essere riconosciuti dalla centrale, e all’interno di una Loop possiamo inserire fino ad un massimo di 99 moduli e 99 sensori

Tra i moduli, possiamo descriverli come quegli elementi, che manualmente possono far generare un’emergenza, esempio classico è  il Pulsante Manuale, che permette di segnalare un’emergenza tramite la rottura del vetro.xftxfzgfn

I sensori invece sono tutti quegli elementi che hanno la funzione di verificare la presenza di fumi all’interno delle aree gestite dalla centrale, un esempio su tutti sono i rilevatori ottici, che possono essere installati con la propria base che ne facilita sia il cablaggio, sia la manutenzione.fhffhfxxx

Gli altri componenti che devono  far parte del nostro impianto sono i Segnalatori ottici e/o acustici, che hanno la funzione di segnalare lo stato di emergenza, e in base a gli ambienti dove sono installati possono privilegiare l’aspetto visivo, acustico, o entrambi.fxgdgdf

Ovviamente per la creazione di un loop, dovremo necessariamente utilizzare cavi Twisted con una schermatura con elevato grado di isolamento, dato che potenzialmente dovranno resistere il più possibile in caso di incendio.

Le centrali della serie AM, posseggono  dei moduli d’uscita, che consentono di gestire al di fuori della loop i pannelli ottici e/o acustici , e al tempo stesso anche i magneti delle porte Rei, serrande taglia fuoco e valvole elettro controllate.

Dopo questa breve panoramica, si è voluto dimostrare la semplicità dell’ architettura di sistema di un Impianto rilevazioni fumo/incendio Notifier, a tutto vantaggio dell’installatore, sia in fase di progettazione che d’installazione.

Quindi se volete saperne di più, veniteci a trovare presso le nostre sedi, saremo ben lieti di affrontare insieme qualsiasi vostra particolare esigenza.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Antintrusione e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.